Lori Nix

ENGLISH: Once she felt like taking pictures of her homeland, the state of Kansas, New York based photographer Lori Nix decided not to travel to it but to reproduce the landscapes into her living room, constructing accurate dioramas. That is how her first work, “Accidentally Kansas”, came to life. At start the scenes were built using mainly materials sold for models hobbyists, but going on the landscapes have become more and more sophisticated and finely refined, handmade by Nix and her partner. The materials used are many: wood, glass, foam, paper, glue, synthetic polymers and paper towel, in addition to a variety of lighting systems. The time necessary to complete a diorama is about seven months while shooting it takes about three weeks. At a first glance the images seem to represent a real scene and only after a few seconds of observation it is clear that it is a fake. Influenced by landscape painting and by the relationship between civilization and nature that features the Romantic painting, Lori Nix reproduces scenarios in which nature is tainted by the presence of mankind, often shown as destructive: in “Accidentally Kansas” appear nuclear power stations, a derailed train, air planes and electric cables, dead animals. In her last series “The City” the photographer presents her own version of the end of the civilization and builds abandoned theaters, houses shops and museums, whose walls are falling to pieces and are invaded by nature.

ITALIANO: Una volta che sentì il desiderio di scattare fotografie della sua terra di origine, il Kansas, la fotografa newyorkese  Lori Nix decise di riprodurne i paesaggi nel suo salotto, costruendo accurati diorami. Fu così che il suo primo lavoro, “Accidentally Kansas”, venne alla luce. Agli inizi le scene erano costruite utilizzando in gran parte materiali commercializzati per gli amanti del modellismo, ma con il passare del tempo i paesaggi sono diventati sempre più complessi e finemente rifiniti, realizzati a mano dalla Nix e dalla sua compagna. I materiali utilizzati sono vari: legno, compensato,  vetro, schiuma, carta, colla, polimeri sintetici e carta assorbente, oltre a diversi tipi di illuminazione. Il tempo necessario per completare una scenografia è di circa sette mesi  mentre per scattare l’immagine finale  il lavoro è di circa di tre settimane. Ad un primo colpo d’occhio l’immagine sembra presentare una scena reale ed è solo dopo qualche secondo di osservazione che ci si accorge di esser di fronte ad una scena costruita. Influenzata dalla pittura paesaggistica e dal sottile rapporto tra civiltà e natura che caratterizza la pittura Romantica, Lori Nix riproduce scenari in cui la natura è contaminata dalla presenza dell’uomo, spesso mostrata come distruttiva:  in “Accidentally Kansas” compaiono centrali nucleari, treni deragliati, aerei e cavi elettrici, animali morti. Nella ultima serie “The City” invece la Nix inscena una sua versione della fine della civiltà e costruisce teatri, case, negozi e musei abbandonati, le cui mura cadono a pezzi  e sono riconquistate dalla natura.

 

Advertisements

One thought on “Lori Nix

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s